Underwater city

You are currently browsing posts of the "Underwater city" tag.
Underwater city Marco Rizzo

Paradiso sommerso

Facendo un parallelismo con il mito di Atlantide, così il fotografo Marco Rizzo, in questo progetto fotografico, utilizza l’escamotage della città sommersa per restituire pace e tranquillità alla sua amata Venezia. L’autore dichiara infatti di sognare la città lavata dallo sporco, sia morale che propriamente fisico, materiale, ambientale tramite un’ondata di “acqua ...
Sogni Underwater city Marco Rizzo

Sogni

La critica di Ernesto Cappelletto in occasione del mio primo catalogo “Nuovo inizio” della collezione Underwater city nel 2011. Molti ebbero a scrivere sulle città in genere e sono autori di peso come Calvino o Levinas ma grazie a queste foto di Marco Rizzo ho ritrovato la leggerezza del Nuovo Inizio. Sì, finalmente Venezia è sprofondata come volevano i futuristi ma ciò nonostante ...
Gianni Nappa Acque torbide

Feto

La critica di Gianni Nappa del 2013 alle opere di Marco Rizzo in occasione della mostra Inner Vision alla galleria BackLightStudio Contemporanea di Napoli. Coinvolti 3 artisti emergenti italiani. Marco Rizzo, Francesca Parità e Vitriol13. La sospensione lieve che il feto ha nel liquido che lo foraggia, protegge e offre vita, si pone come metafora della memoria che Rizzo rielabora per dar ...
Ruggero Maggi

Con acquatica voluttà

La critica di Ruggero Maggi per la mia installazione sul fondo della piscina del Belmond Hotel Cipriani di Venezia. Stavo riflettendo sull’opera di Marco Rizzo, questo giovane artista che conosco ed apprezzo da vari anni e che condivide con me l’amore per questa meravigliosa, metafisica città  chiamata Venezia. Nelle sue immagini realizzate con grande tecnica e maestria, si coglie ...
Boris Brollo Marco Rizzo Underwater city

La memoria dell’acqua

La critica di Boris Brollo alla mia collezione Underwater city nel 2011 per la Galleria Ravagna di Piazza San Marco Muto con gli occhi dilatati per vederci meglio sotto l’effetto del “diving reflex” (riflesso dell’immersione) la bocca articolava parole senza suono. La memoria “omeopatica” dell’acqua diluiva e lavava l’immagine ispessendola nell’effetto lenticolare e tutto era così vivamente ...