Ricerca fotografica

Dare sfogo alle idee – Intervista a Marco Rizzo

Marco Rizzo è un regista e fotografo veneziano, nato a Venezia il 4 settembre 1983, ha collaborato con diverse istituzioni e musei come: Palazzo Grassi, Punta della Dogana, Belmond Hotel Cipriani, case di moda come: Furla, Al Duca d’Aosta, aziende nel settore del vetro artistico del calibro di Venini e personaggi nel campo dell’architettura e dell’arte come: Tadao Ando, Jean-Jacques Aillago, Francesco Bonami, Francois Pinault, Mona Hatoum e Umberto Pelizzari.

Quando è cominciata la sua passione per la fotografia ?

Sono passati parecchi anni ormai, 13 anni.. la passione per la fotografia è nata molto presto, prima dei miei studi in Accademia. In Accademia ho studiato scenografia e regia teatrale, la tesi sulle videoproiezioni mi ha avvicinato alla regia cinematografica e alle attrezzature digitali; è stato li, che ad un certo punto ho risentito il bisogno di riavvicinarmi alla fotografia. Non mi sono mai creato delle barriere come fanno molti, mi ritengo un artista, ho delle idee.. e di conseguenza in alcuni momenti le idee si concretizzano o attraverso il video o se lo ritengo necessario perché l’idea viene rappresentata meglio.. con la fotografia.

Beauty of Venice Fotografo Nudo artistico Venezia Beauty of Venice Marco Rizzo Fotografo professionista Venezia

MI PARLI DELLA SUA RICERCA FOTOGRAFICA?

Grazie per la domanda. Non è ovvio avere una ricerca fotografica, vedo molta confusione a volte in altri lavori e la direzione non è cosi definita. Avere una ricerca fotografica denota un certo impegno.. e fatica.
La mia ricerca spero sia evidente, io lavoro con l’acqua, tutto il mio lavoro e permeato di questo liquido che è il mio amore e allo stesso tempo la mia dannazione. Dico questo perché non è facile, una volta mi venivano delle idee e le realizzavo, ma adesso che ho scoperto quello che davvero mi piace, a volte mi trovo ingabbiato in questa mia passione. Non è facile realizzare e soprattutto pensare a progetti che hanno sempre come protagonista l’acqua.

Qual è il suo soggetto fotografico preferito?

Ho realizzato parecchi lavori, per diversi committenti, ma anche solo ed esclusivamente per rappresentare un idea e quindi per me stesso. Con il passare del tempo muti, cresci artisticamente parlando e tecnicamente, in questo momento mi piace fotografare “il corpo umano”, attraverso ritratti e nell’ultimo periodo amo il nudo ambientato.

Fotografo professionista Venezia Foto Violenza sulle donne Marco Rizzo

Bianco e nero o colore? 

Domanda difficile, lavoro spesso nei progetti personali in bianco e nero, il colore è distrazione a volte, soprattutto se lavori su un nudo, ma amo molto il colore, diciamo che lo uso quando lo ritengo necessario.. deve esserci un perché. Altrimenti preferisco il bianco e nero.

Digitale o analogico?

Digitale tutta la vita! Ho lavorato in analogico, ma bisogna lasciare spazio al futuro, abbiamo atteso che il digitale superasse qualitativamente l’analogico e adesso che il sorpasso è avvenuto non vedo perché dovrei rifiutare il futuro e le evoluzioni che ci offre.

Dream Fotografo professionista Venezia Fotografia onirica

Che attrezzatura usa ?

Ho sempre usato Canon, in questo momento ho delle Mirrorless Canon della serie R di ultima generazione. Le ottiche che preferisco sono il 35mm e l’85mm.

Che qualità deve possedere una fotografia per essere considerata artistica?

Scattiamo una quantità enorme di foto ogni giorno.. essenzialmente secondo me per considerala arte deve essersi un idea dietro.. voler raccontare qualcosa..

Pensi che questa inflazione d’immagini tolga qualcosa a chi si dedica alla fotografia?

Si c’è una gran confusione.. forse era meglio l’analogico da questo punto di vista.. perché ti serviva un minimo di tecnica e di conoscenza per scattare.. adesso la fotografia è accessibile a tutti.. e in molti non hanno la minima idea di quello che stanno facendo.. vedo cose orribili.. 🙂 bisognerebbe vietare di fotografare ad alcuni 🙂

Biennale internazionale arti visive Off/on Presenze Assenze Marco Rizzo

Si può vivere di fotografia?

Economicamente parlando a volte è difficile, ma si può vivere di fotografia per la gioia che ti da.. la fotografia ti riempie la vita, io non riuscirei a stare senza.. e non parlo delle mie fotocamere.. delle mie ottiche.. della parte materiale della fotografia.. ma del mezzo che mi aiuta a trasferire le mie idee.. che da sfogo alla mia fantasia.

Progetti fotografici futuri ?

Continua la mia ricerca legata all’acqua.. si esprime attraverso progetti diversi.. ma alla base c’è sempre l’acqua.

Ricerca fotografica

Seguimi su:

Facebook Marco Rizzo Instagram Marco Rizzo